Transit 2: Danilo Correale | Didem Özbek e Osman Bozkurt


TRANSIT-2
a cura di Adriana Rispoli, Eugenio Viola e Pelin Uran

Museo Madre, Napoli 01.07.09 | 31.08.09
PiST ///Interdisciplinary Project Space, Istanbul 09.09.09 | 09.11.09


Transit -2 è la seconda tappa dell’omonimo progetto che mira a connettere giovani artisti napoletani con giovani artisti provenienti da città del bacino mediorientale. Dopo l’esperienza al Cairo, terminata il 28 giugno alla Town House Gallery, è la volta di Istanbul con l’incontro tra un artista napoletano, Danilo Correale e due artisti turchi, Didem Özbek e Osman Bozkurt , e il passaggio in due spazi e due tempi diversi: la prima tappa nella Project Room del Museo Madre da mercoledì 1 luglio, la seconda ad Istanbul negli spazi di PiST ///Interdisciplinary Project Space il prossimo 8 settembre, inserita come evento collaterale della XI Biennale di Istanbul.
Anche questa volta la mostra è accompagnata da Empathy, progetto di Urban Art di Mariangela Levita.
I lavori esposti riflettono in maniera diversa sulle migrazioni dei popoli ma anche sulla sedimentazione e i cambiamenti ideologici, politici e sociali che gli spostamenti dell’uomo provocano nella geografia, nel tessuto sociale e produttivo di una città. The Istanbul Symphony è il progetto di Danilo Correale, una suite musicale divisa in tre sezioni ispirata al contesto tradizionale e socioculturale della città di Istanbul contemporanea. Affidandosi unicamente al suono dei cimbali “Istanbul”, brand di illustre tradizione manifatturiera turco-armena, Correale imbastisce una performance in cui delega al suono metallico di questo glorioso strumento nazionale il ruolo fondamentale di rievocare memorie, sensazioni e percezioni insieme antiche e moderne, innescando, tramite l’interpretazione di musicisti napoletani, una sinergia tra le vibrazioni delle due città: Napoli e Istanbul. L’idea di archivio, raccolta di informazioni e sedimentazioni da cui riaffiorano connessioni e memorie, inteso come processo artistico, informa tanto l’installazione di Correale quanto il progetto di Didem Özbek e Osman Bozkurt. Partendo dall’indagine socio-urbanistica dell’antico quartiere europeo di Pangalti – frazione del più noto Pera di Istanbul - dove è ubicato PiST /// Interdisciplinary Project Space da loro fondato nel 2006, gli artisti elaborano un’eclettica analisi sulle tracce di una presenza italiana ormai depositata sotto la oblio dell’amnesia collettiva. Seguendo gli spunti letterari di Marmara, i ricordi sbiaditi dei proprietari di una classica drogheria d’angolo chiamata NAPOLI e le immagini d’archivio degli emigrati italiani di tardo ‘800 recuperati nell’antico palazzo Garibaldi, sede della Società Operaia Italiana di Mutuo Soccorso in Costantinopoli, riaffiora il passato levantino del quartiere. Un passeggiata metaforica per la Grand Rue Pangaldi che porta a riflettere sul cambiamento dei flussi migratori. Il gioco della lotteria che accoglie il visitatore all’ingresso del Museo, significativamente intitolato “Viaggio da Sogno ad Istanbul”, assume il compito di invertire nuovamente questo flusso e portare un italiano a visitare il quartiere e a prendere così parte alla seconda fase della mostra Transit-2 ad Istanbul presso PiST /// Interdisciplinary Project Space dall’8 settembre al 17 ottobre, inserito come evento collaterale della XI Biennale di Istanbul.

1 commento:

Stefan Forge ha detto...


I got this web page from my pal who informed me about this web page and now this time I am visiting this site and reading very informative posts here. gmail login